L'aurora (Anthocharis cardamines (Linnaeus, 1758)) MASCHIO

L'aurora (Anthocharis cardamines (Linnaeus, 1758)) MASCHIO

3 701 11

GABRIELE FEBBO


Free Account, CHIETI SCALO

L'aurora (Anthocharis cardamines (Linnaeus, 1758)) MASCHIO

Ordine: Lepidoptera
Famiglia:Pieridae
Genere :Anthocharis
Specie : A. cardamines
Questa specie ha ali di colore bianco con il terminale delle ali anteriori nero. Nei maschi, la metà esterna delle ali anteriori è di colore arancione. Le pagine inferiori sono screziate di verde (formato in realtà da una mistura di scaglie nere e gialle) e bianco. L'apertura alare varia dai 39 ai 48 mm. La femmina è leggermente più piccola del maschio. Le uova sono bianche subito dopo essere state deposte, ma diventano di un arancione brillante entro pochi giorni, scurendosi all'avvicinarsi della schiusa. Il bruco è bianco e verde. Esistono cinque stadi larvali. I maschi adulti sono visibili molto spesso in primavera, mentre volano lungo prati e siepi; le femmine, invece, sono più solitarie. Le larve si nutrono quasi esclusivamente dei fiori su cui le uova sono state deposte, ma sui germogli c'è raramente cibo sufficiente per alimentare più di un bruco, quindi, se due larve si incontrano, una di esse viene mangiata dall'altra per eliminare la concorrenza; la stessa sorte spetta anche alle uova che non si sono ancora schiuse. Per scoraggiare la deposizione delle uova su una pianta già occupata, la femmina che depone per prima rilascia un feromone deterrente.
Nemici naturali dei bruchi sono gli insetti dei generi Tachinidae ( mosca )e Braconidae (vespe ).
Questa farfalla è diffusa in tutta la zona temperata euroasiatica, fino al Giappone.
L'habitat consiste in pascoli, prati e boschi umidi, radure, rive dei fiumi, fossi, argini, paludi e stradine di campagna.
HR:https://s25.postimg.cc/dvwzgg3x9/IMG_3499.jpg

Commentaire 11

Information

Section
Dossier LEPIDOPTERA
Vu de 3 701
Publiée
Langue
Licence

Exif

APN Canon EOS 5D Mark II
Objectif 150mm
Ouverture 5.6
Temps de pose 1/500
Focale 150.0 mm
ISO 100